creed 2. Da vedere

La vita di Adonis Creed è diventata un equilibrio tra gli impegni personali e l'allenamento per il suo prossimo grande combattimento: la sfida della sua vita. Affrontare un avversario legato al passato della sua famiglia, non fa altro che rendere più intenso il suo imminente incontro sul ring.
Rocky Balboa è sempre al suo fianco e, insieme,  si preparano ad affrontare un passato condiviso, chiedendosi per cosa valga la pena combattere, per poi scoprire che nulla è più importante della famiglia. Creed II è un ritorno alle origini, alla scoperta di ciò che un tempo ti ha reso un campione, senza dimenticare che, ovunque andrai, non puoi sfuggire al tuo passato.

Considerando che purtroppo si narra che sia l'ultimo della saga doiventa automaticamente imperdibile.

Ieri al cinema alla fine del film applauso generale.

Rocky Balboa l'abbiamo adorato, ammirato e anche compatito, nella sua evoluzione e nella sua involuzione cinematografica. Indelebilmente fuso con il suo interprete, Rocky ha avuto un tale impatto sulle nostre memorie da andare oltre l'icona del cinema. È parte di una crescita sociale e ne riflette, con i vari sequel, gli estremi di arrivismo individuale degli ultimi quarant'anni. In sei film personaggio di Stallone è stato tutto: umile, coraggioso, sconfitto, vittorioso, arrogante, ridicolo, patetico, maturo. Gli stessi aggettivi che ognuno di quei sei film porta con sé, gli stessi che caratterizzano gli esseri umani e il loro desiderio di raggiungere gli obiettivi.

 

.comingsoon.it