Dopo la seconda stagione di The Crown, tutti vorrebbero Claire Foy come star

Con origini lontanissime dal mondo dello spettacolo, le suggerirono  di studiare recitazione dove  dimostrò  subito tutto il suo talento,  conquistando pubblico e critici.

the crown 2 claire foy matt smith parlano della seconda stagione v3 294005

Oggi a Hollywood sono tutti lì a fare la fila per averla. Claire Foy ha girato Unsane, un horror di Soderbergh filmato con un iPhone, ha interpretato Lisbeth Salander, la hacker tutta tatuaggi e piercing della saga di Millennium, infine forse la vedremo in First Man con Ryan Gosling. E’ sposata con Stephen Campbell Moore ed è madre di una bambina. Amava Doris Day e Grace Kelly, non aveva un agente e si alternava tra un lavoretto e l’altro, come fa la maggior parte degli aspiranti attori a Londra.

Ha lavorato per molto tempo come cassiera: "per me era un sogno, da piccola adoravo mettermi dietro a una cassa giocattolo a contare soldi! Ho fatto la guardia a Wimbledon, la barista in un coffee shop, ho venduto prodotti e dato lezioni di piano… qualsiasi cosa pur di tirare su un po’ di quattrini."

thecrown2 990x1485

E’ lei la regina di The Crown, la serie tv originale di Netflix incentrata sulla vita della regina Elisabetta II d’Inghilterra, che parte dalla sua incoronazione e va avanti fino ai nostri giorni. Per ora sta riscuotendo delle ottime impressioni sia fra il pubblico che tra i critici e insomma, se ne parla molto bene. È la serie televisiva per la cui produzione, affidata alla Sony Pictures Television, Netflix ha speso di più in tutta la sua storia: circa 100 milioni di sterline. Le riprese sono state effettuate principalmente in Inghilterra e in Scozia, ma anche a Malta e in Kenya.

188210

Matthew Gilbert, critico cinematografico del Boston Globe, ha definito The Crown come “completamente coinvolgente, splendidamente girato, ben recitato, ricco di vicende storiche e progettato con un occhio acuto per quanto riguarda la sfumatura psicologica dei personaggi”. Neil Genzlinger del New York Times, invece, scrive: “Si tratta di una serie riflessiva che indugia sulla morte, piuttosto che usarla per impressionare il pubblico”.

Da vedere assolutamente.

FPublic su public company

by

in World -

Follow me

Tag

Follow me now