L'umanità può tranquillamente vivere con un topinambur al giorno

L'umanità può tranquillamente vivere con un topinambur al giorno

Rudolf Steiner, circa un secolo fa 

Dunque, vediamo di contestualizzare: innanzitutto il topinambur, chiamato anche rapa tedesca, carciofo di Gerusalemme o girasole del Canada (nome scientifico Helianthus tuberosus L.1753, anche volgarizzato in Elianto tuberoso), è una pianta usata come ortaggio, appartenente alla grande famiglia tassonomia) delle Asteraceae e al genere helianthus, con l'infiorescenza a capolino. Questo ce lo conferma Wikipedia, ok. 

topinambur cop

Quanto all'affermazione dell'eclettico Steiner occorre fare una precisazione: la nascita dell'agricoltura "moderna", per convenzione, la si deve a una serie - otto per la precisione - di conferenze che Rudolf Steiner tenne nell'autunno del 1924 in una cittadina della Polonia, Koberwitz, che oggi ha cambiato nome. Si presume che in quegli anni le condizioni generali di sussistenza e sopravvivenza nella sola Europa fossero ben diverse dalle attuali. Tutto ci lascia supporre, pertanto, che questa frase a effetto sia una sorta di monito, un'esortazione all'autarchia e alla salvaguarda di quel poco che la terra avrebbe potuto produrre per tutti. Ma ecco una chiave di lettura più tecnica e approfondita: Steiner sapeva bene dove andare a parare in qualità di proprietà organolettiche. E allora evviva il topinambur e tutte le radici del caso. Ma non solo: evviva la semplicità al servizio della terra, le fasi lunari, le naturali conseguenza virtuose di aver trattato il pianeta come vorremmo che il pianeta trattasse noi. 

topinambur

Leggere Steiner è quanto di più apparentemente banale possa essere condivisibile. Attualità allo stato puro, si consiglia di limitare al massimo l'intervento di trattamenti chimici in fase di gestione degli allevamenti. Si suggerisce di mantenere la terra fertile, quanto più possibile, per garantire il naturale corso di causa ed effetto nelle coltivazioni. Si ipotizzano trattamenti manuali, periodici, nel rispetto dei cicli naturali e in funzione delle varie stagionalità. Tutto quanto viene (ri)scoperto al giorno d'oggi, è contemporaneo da oltre un secolo. Del resto, citazione per citazione: "tutta l'arte è stata contemporanea" (Andy Warhol). 

iscriviti alla newsletter