PINK - MY - INSIDE

Nel 2017, il Millenial Pink è stato il colore che più di tutti è esploso nella moda e nel design, contagiando il modo di vestire e di arredare, diventando la tonalità che simboleggia la generazione di questo tempo. 

Androgino, fresco e “sano”,  il Millenial pink  si avvicina alla tonalità della pelle e varia dal rosa-cipria al rosa-salmone con un tocco di pompelmo e un pizzico di albicocca... tendente al confetto. Nessuno, in effetti, si trova d’accordo su che colore esattamente sia ma piace a tutti, perché un po’ vintage e un po’ trendy, con un mood innocente che annulla la differenza di genere. 

ipad3 2032

Si pensa che l’inception sia avvenuta con la proiezione del film Gran Budapest Hotel uscito nelle sale cinematografiche nel 2014 e ambientato nel grande albergo retro-chic i cui interni e personaggi sfumavano in tutte le tonalità di rosa. Wes Anderson.  

Dopodichè l’Iphone-rosa, l’invasione di fenicotteri e tutto il resto.

Considerando che il Pantone Rose Quartz è stato il colore del 2016 e il Pale Dogwood uno dei preferiti della primavera 2017, si può dire che il rosa di questi tempi faccia impazzire i designers un po’ in tutto il mondo. 

Chi mi conosce sa che non sono una vera e propria sostenitrice del rosa ma ecco la top 4 dei Pink my Inside 2017, così ho deciso di chiamarla, per la quale ho dovuto ricredermi: 

THE NANAN PATISSERIE, a Wroclaw 

Diseganta da BUCKSTUDIO, il design di questa moderna pasticceria in Polonia, si ispira ai dolci che produce: le éclairs. La forma ovale della torta è ripresa infatti nell’isola centrale dove i prodotti sono esposti come in una vetrinetta di gioielleria. 

nanan 2

Questi pasticcini glassati ripieni di crema hanno anche ispirato il design su misura delle lampade e degli altri dettagli, specchi, maniglie delle porte e appendiabiti. Pareti rivestite in velluto e aperture ad arco conferiscono allo spazio una surreale atmosfera di morbidezza.

nanan 3

SPOONING COOKIE DOUGH BAR, a Berlino

Nel primo bar di biscotti in Germania disegnato dallo studio ZENTRALNORDEN vige la regola Forget your Diet e le pareti sono color rosa bubblegum. 

spooning 3

I designers hanno voluto ricreare il dolce ricordo di "mordicchiare la pasta cruda dei biscotti nella cucina della nonna" usando colori che evocano il divertimento e la spensieratezza infantile.

spooning 2

Un clima di leggerezza per un ambiente dove alle pareti è appesa un’esibizione di volani e l’unico pensiero riguarda il condimento dei propri biscotti. Caramelle gommose o cioccolato? 

spooning 1

AESOP STORE, a Londra-Chelsea

Il negozio per il marchio di prodotti per la cura della pelle, opera dello studio di Oslo Snøhetta, fa parte di una lussuosa area commerciale sulla King’s Road a Chelsea.

Una grande colonna formata da 12 sezioni di muro ad arco è posta al centro dello spazio e richiama le architetture curve di Oscar Niemeyer. 

aesop 1

Le pareti sono coperte da uno strato di intonaco a base di argilla-rosa la cui colorazione è stata scelta per “relazionarsi col corpo”  e creare un “sentimento umano morbido” che si ricollegasse al prodotto per la pelle venduto all’interno.

aesop 2

THE GALLERY, SKETCH RESTAURANT, a Londra 

All’interno di Sketch, complesso dedicato alle arti, la musica e lo spettacolo di Londra risiedono 6 bar-ristoranti di autori differenti e con stili diversi.

thegallery 2

The Gallery di India Mahdavi, Interior designer  e architetta di Teheran, è stato trasformato nel 2014 ma è ad oggi uno dei ristoranti più Instagrammati della città. 

La galleria rivestita di velluto rosa serve cucina gastro-brasserie e tè pomeridiano. Sulle pareti sono esposti 239 schizzi dell’artista David Shrigley e le stoviglie in ceramica sono da lui decorate.

thegallery 1