LA VERA STORIA DEI CORN FLAKES

Perché il signor John Harvey Kellogg inventò i famosi corn flakes? Per combattere la masturbazione. Sì, sembra assurdo, ma secondo quanto racconta il National Geographic l’inventore dei corn flakes lo fece proprio per combattere l’autoerotismo, soprattutto tra i più giovani. Ma facciamo un passo indietro. John Harvey Kellogg era un medico nato nel 1852 e la sua carriera fu fortemente ispirata dalla sua fede religiosa. Kellogg lavorò presso il Sanatorio di Battle Creek (Michigan), fondato da Ellen G. White, profeta sia della Chiesa cristiana avventista del settimo giorno sia degli Avventisti del Settimo Giorno del Movimento di Riforma. Estremamente religioso, al limite del fanatismo, Kellogg considerava il sesso tout court un atto impuro da evitare. Sposato con Ella Eaton, infatti, il medico era convinto che l’atto sessuale fosse non solo impuro, ma anche causa di molte malattie e dunque, non consumò mai il matrimonio. I due non dormivano nella stessa camera da letto e per questo non avevano figli naturali, bensì 42 bambini adottivi. E se il sesso era pericoloso, la masturbazione era un’aberrazione per il dottore americano. Il quale era convinto che gli irrefrenabili istinti sessuali erano causati primariamente da una cattiva postura, da sbalzi d’umore, ma soprattutto dal consumo di cibi speziati e della carne. Fautore di una dieta vegetariana, dunque, Kellogg pensò a una colazione per i più giovani che fosse salutare, senza carne e soprattutto senza spezie o altro. Insomma, addio bacon e uova, benvenuti corn flakes. E se fino a poco tempo fa gli storici erano convinti che la scelta fosse dettata esclusivamente da motivazioni salutiste, ora esce la verità. Nel suo libro “Plain Facts for Old and Young: Embracing the Natural History and Hygiene of Organic Life”, infatti, il dottor Kellogg espone le sue idee sulla masturbazione. Creando i corn flakes, l’uomo evidenzia – a differenza dell’opinione dei suoi fratelli, soci nell’avventura – che i cereali debbano essere prodotti senza aggiunta di zucchero, perché anche il dolcificante stimolerebbe gli appetiti sessuali. Sarà per questo che negli ultimi 130 anni milioni di adolescenti hanno mangiato i famosi corn flakes del dottor Kellogg, ma aggiungendoci quasi tutti dello zucchero hanno anche continuato a masturbarsi felicemente.

cornflakes copy

Siccome, purtroppo, non è farina del mio sacco... non posso fare altro che sottolineare i due passaggi fondamentali - a mio avviso - del trattato di pace tra i fiocchi d'avena e la masturbazione:

1) i 42 (quarantadue) figli adottivi del dottor Kellogg

2) la chiusura virtuosa del cerchio: i milioni di adolescenti che negli ultimi 130 anni hanno aggiunto liberamente dello zucchero ai corn flakes dello stimatissimo dottor Kellogg di cui sopra, appunto, e hanno anche continuato a masturbarsi felicemente. 

Prosit, Amen, Cordialità.

Vanni Marchioni su public company

by

in World -

Follow me

Tag