Taiwan: tutta la plastica monouso deve essere eliminata entro il 2030

Secondo l'Hong Kong Free Press ordinare take-away, confezionare generi alimentari, comprare una bibita analcolica, sono tutte le attività che cambieranno nel prossimo decennio a Taiwan, quando la nazione insulare imporrà un divieto generale sull’utilizzo di sacchetti, cannucce e qualsiasi altro oggetto in plastica.

58fedc241400001f00a9ba05

Sarà uno dei divieti più restrittivi sulla plastica a livello mondiale e dimostra l’attuale consapevolezza del movimento anti-plastica e della lotta ai danni ambientali causati da questo materiale.

"Miriamo a implementare un divieto generalizzato entro il 2030 per ridurre in modo significativo i rifiuti di plastica che inquinano l'oceano e quelli utilizzati nella catena alimentare che incidono sulla salute umana", ha detto in una dichiarazione Lai Ying-ying, funzionario dell'Agenzia per la protezione ambientale taiwanese.

Il divieto di Taiwan sarà introdotto gradualmente nel tempo e si baserà su regolamenti già esistenti: un programma di riciclaggio esteso e costi aggiuntivi per i sacchetti di plastica. La prima parte del regolamento prevede la messa al bando delle cannucce servite nei ristoranti già dal 2019, poi un divieto generale per le cannucce in tutti i punti di ristoro entro il 2020. Entro il 2025 i negozi al dettaglio avranno costi aggiuntivi per la fornitura di sacchetti di plastica, contenitori per alimenti monouso e altri oggetti in plastica. Queste misure culmineranno nel 2030, in un bando categorico su borse, utensili, cannucce e contenitori monouso.

“Si possono usare prodotti di acciaio o cannucce commestibili - o forse non abbiamo proprio bisogno di usare le cannucce", afferma Lai Ying-ying. "Non c'è nessun inconveniente per nessuno.”

straws 1562247 1920 600x315

L'annuncio di Taiwan è una grande risposta all’appello sull'inquinamento della plastica nel mondo. A livello globale, annualmente vengono creati circa 380 milioni di tonnellate di plastica. Si stima che 8 milioni di tonnellate di plastica entrino ogni anno negli oceani, il che equivale a svuotare un camion della spazzatura in un oceano ogni minuto.

Il movimento contro la plastica è reale e globale: la convenienza della plastica non vale il danno che provoca. L'ONU ha recentemente proposto un divieto globale per l’inquinamento plastico negli oceani; Il Canada sta pianificando di presentare una proposta simile alla riunione del G7 entro la fine dell'anno; una serie di governi locali, statali e federali stanno promulgando divieti mirati e radicali sull'uso della plastica.

In particolare le cannucce di plastica sono state al centro delle discussioni dei difensori dell'ambiente. Ogni giorno, i cittadini statunitensi usano circa 500 milioni di cannucce, secondo Eco-Cycle. Considerando che gli Stati Uniti rappresentano solo il 4,4% della popolazione mondiale, il numero di cannucce utilizzate quotidianamente nel mondo è probabilmente molto più alto. Quasi nessuna di queste cannucce può essere riciclata perché è generalmente realizzata in plastica monouso, troppo fragile per poter sopportare il processo di riciclaggio. Così le aziende, le città e persino i paesi si stanno finalmente sbarazzando di loro: la Scozia, ad esempio, ha recentemente annunciato il divieto di utilizzare cannucce monouso a partire dal 2019.

Il divieto di Taiwan va più lontano, poiché mette al bando una serie di altri articoli di plastica di uso comune. Adesso si deve convincere i grandi consumatori di plastica a seguire il loro esempio.

1497108075015 jpg
 

No Borders su public company

by

in World -

Follow me

Tag

Follow me now