Fisico asciutto, treccine bionde da rasta e occhi verdi, Airton Duarte Lopes Monteiro Cozzolino è nato l’11 luglio del 1994 a Ilha Do Sal, una delle tante isolette dell'arcipelago di Capo Verde, sul versante nord-occidentale dell'Africa.

Un ottimista di natura che non si è mai piegato alle avversità della vita. Un ragazzo con l’avventura nel sangue.

Fisico asciutto, treccine bionde da rasta e occhi verdi, Airton Duarte Lopes Monteiro Cozzolino è nato l’11 luglio del 1994 a Ilha Do Sal, una delle tante isolette dell'arcipelago di Capo Verde, sul versante nord-occidentale dell'Africa.

L'ultimo cognome, quello italiano, ce l'ha dal 2010, quando è stato ufficialmente adottato da Libero Cozzolino, un padovano con la passione per l'Africa e il mare che ha mollato il suo lavoro di rappresentante di componenti per l'industria per fare l'insegnante di kitesurf. Una scelta che ha cambiato per sempre, e in meglio, la sua vita e quella di Airton. Aveva solo 4 anni quando ha cominciato a fare skimboard con pezzi di tavole rotte. A 6 anni riesce a provare per la prima volta un bodyboard e l’anno seguente inizia la sua avventura con il surf, anche perché cominciavano ad arrivare i primi surfisti da fuori, che lasciavano di tanto in tanto i loro vecchi materiali, forse senza neanche rendersi conto che con quel piccolo gesto aprivano un nuovo mondo agli abitanti di Sal. Oggi padre e figlio gestiscono insieme due scuole di kite e surf: l’inverno sono a Capo Verde, mentre l’estate si trasferiscono in Sardegna a Chia, che per Airton è diventata una seconda patria. 

Al futuro in questo momento Airton non si sente di chiedere nulla, perché dice di aver ricevuto tanto, soprattutto nel 2011, nel 2017 e nel 2018, anni in cui si è aggiudicato il titolo di Campione del Mondo di Kitesurf, specialità strapless. Tuttavia gli obiettivi nella sua mente sono chiari: sogna di diventare un waterman completo nel sup, nel surf e nel windsurf. In ambito lavorativo intende proseguire la strada intrapresa da Free (soprannome di papà Libero) con la Tribalsurf (questo il nome della loro scuola), incentrata sulla passione per questi sport meravigliosi, senza dimenticare mai che, al di là del lavoro, la loro è quasi una famiglia, una tribù di folli, innamorati del mare e dei suoi riccioli argentati!

Curiosità: Airton è stato uno dei primi al mondo a competere strapless, ossia con i piedi liberi sulla tavola.

 

red bull web site