Atacama: il deserto 50 volte più arido della Death Valley

Il deserto di Atacama in Cile è un luogo da guinnes: si trova tra la catena andina e la cordigliera della Costa, le temperature oscillano tra gli 0° notturni e i 25-30° diurni, è protetto dall’umidità da entrambi i lati e la corrente di Humboldt raffredda l’aria rendendo impossibile la formazione di nuvole. Niente oasi, solo atmosfere surreali e panorami incredibili.

maxresdefault

A 2500 metri di altitudine, si erge la cittadina San Pedro, avvolta da un’atmosfera multietnica grazie ai visitatori che ne affollano le stradine e i locali. La caratteristica Chiesa della cittadina è un luogo da non perdere, insieme al Museo Archeologico Gustavo Le Paige,  la celebre Valle della Luna e il vulcano Licanbur sono alcune delle poche cose da vedere.

Più lontani il geyser di El Tatio, e le terme di Puritana. 

entrada deserto atacama 2115x1195

Considerando che il periodo ideale per visitare le Ande settentrionali è quello estivo che va da dicembre a febbraio, nella valigia non possono mancare vestiti di mezza stagione, leggeri per il giorno ma caldi per la sera. Ecco quindi giacca, cappello, scarpe da trekking, occhiali da sole e crema solare a cui vanno aggiunti piumino, sciarpa e guanti per le cime più alte. 

Potrete vedere anche la celebre Mano che sbuca dal Deserto di Atacama: si tratta di una gigantesca scultura in ferro ricoperta di cemento, che dal 1992 è tappa obbligata per chi viene in visita in questi aridi luoghi. Rappresenta 5 enormi dita che emergono dal terreno, alta 11 metri è opera del cileno Mario Irarrazabal, che ha voluto rappresentare la vulnerabilità dell’uomo di fronte alla sofferenza, alla solitudine e alle ingiustizie. 

FPublic su public company

by

in World -

Follow me

Tag

Follow me now