re Bhumibol - Il nonno che è un re

Tutte le volte come stasera che vado al cinema qua, e sono molte, mi ritrovo in piedi, insieme a tutta la sala, a vedere una breve storia su di te in segno di rispetto, Re della Thailandia, re Bhumibol.

Mi appari sempre con la macchina al collo, anche da foto in cui eri giovanissimo.. Mi ha sempre affascinato vedere con quanta devozione il popolo ti ama e con quanta commozione il popolo ti accompagna ormai 88enne verso i tuoi ultimi anni. Tutte le volte che prendo un taxi chiedo come stai, e la gente fa fatica a dire che sei vecchio e malato, una volta un tassista al quale dissi che sei vecchio si mise a piangere lasciandomi senza parole; come quando ho visto come le persone riempiono le città per festeggiare il tuo compleanno.

Non so come hai suscitato questo sentimento vero nel tuo popolo, cosi fiero di se, e del suo Re, della sua bandiera e del suo inno. Dovresti insegnare a tutti come hai fatto.

A noi che abbiamo perso la speranza in chi ci guida, nel nostro inno e nei nostri colori. Vederti nei quadri esposti in ogni casa e in ogni negozio mi fa pensare di averti conosciuto, a un nonno dalle mille rughe a cui ho sempre voluto bene, che mi ha protetto nei miei viaggi nella tua meravigliosa terra..

Che il tuo cammino sia lieve.

Ho scritto questo articolo nel 2015 ed oggi dopo la sua morte avevo piacere di condividerlo con voi.

Leandro Bisenzi su public company

by

in Events -

Follow me

Tag